Come scrivere i ringraziamenti nella tesi di laurea!

Ecco, la fine di un brillante percorso!

Tutti conoscono il momento fatidico della seduta di laurea, perché la maggior parte delle persone l’ha provato sulla propria pelle. Proprio così! La seduta di laurea costituisce il nucleo fondamentale di tutto il percorso universitario. Il segreto del successo consiste nell’elaborato: la tesi che è la punta di diamante, è costituita da anni d’intenso lavoro e da letture critiche che tutti gli studenti citano nella loro bibliografia critica, essenziale per dare all’elaborato uno slancio affinché non si paragoni la tesi di laurea a un elaborato di maturità. Certo! Bisogna, però, soffermarci sulla differenza delle lauree triennali e magistrali. La riforma Moratti divise le lauree in triennali e magistrali. Ne consegue anche una differenza d’elaborato. La laurea triennale rappresenta non altro che una sorta di relazione critica sull’argomento scelto, al quale si accosta una breve bibliografia critica e una magra descrizione delle fonti. Diverso è il caso delle lauree specialistiche. Lo studente ha maturato una specifica conoscenza riguardo ai suoi studi. La sua tesi deve rispecchiare la sua coscienza scientifica. Il suo lavoro quindi può essere assimilabile a una piccola edizione critica, dalla quale è possibile sviluppare un dibattito con tutti gli studiosi che si sono occupati dell’argomento.

Non è importante in una seduta evidenziare solo il contenuto del lavoro, ma anche il suo contorno. Per dare anche un impatto emotivo alla situazione, si scrivono i ringraziamenti nella prima pagina della tesi.

I ringraziamenti sono facoltativi, però evidenziano un lavoro sudato e possono ancor più sollecitare l’interesse scientifico sulla questione trattata. Il candidato, nell’esporli, evidenzia le persone che l’hanno aiutato nel suo cammino: assistenti, relatore, ecc. Uno studente può anche dedicare il suo elaborato alla biblioteca che l’ha aiutato nelle sue ricerche, offrendogli spunti e suggerimenti.

Le persone care rappresentano il centro della dedica. Le frasi rappresentano il fulcro della dedica. Tutto l’affetto che il laureando nutre per le persone che l’hanno aiutato a crescere in tale ricerca.

I ringraziamenti non sono necessari, ma costituiscono l’originalità di un lavoro serio e sudato.

Valentina Bandiera

Hai finito di scrivere la tesi e ti serve un aiuto per la correzione e formattazione ?

Niente di più facile!

Compila il form per richiedere informazioni più dettagliate sul servizio.

Rispondi