Una decisione importante: la scelta della facoltà

La scelta dell’università è un momento cruciale del nostro percorso di studi.

Proprio in questi giorni, tantissimi studenti sono divisi tra la felicità per aver terminato la scuola e la scelta della facoltà da frequentare. Si tratta di una decisione molto importante, perché influenzerà i prossimi anni a venire.

L’iscrizione all’università richiede capacità di scelta e per scegliere sono necessarie tutte le informazioni disponibili. Immatricolarsi alla facoltà giusta infatti, vuol dire tenere in considerazione diversi fattori, come le proprie attitudini, i propri gusti e sogni, ma nello stesso tempo bisogna rimanere con i piedi per terra ed essere realisti.

Avere le idee chiare

Alcuni studenti hanno già le idee chiare da tempo, altri invece sono indecisi tra due o più percorsi universitari. Ovviamente, una delle prime domande che dobbiamo porci, riguarda il nostro futuro e cosa desideriamo fare nella vita. Valutato ciò, bisogna poi informarsi bene sulle materie, sull’organizzazione del corso di laurea, il piano di studi e gli sbocchi professionali di una determinata facoltà.

Dopo aver raccolto volantini e guide per studenti, leggiamo e analizziamo attentamente i piani di studio dei corsi a cui siamo interessati.

Raccolta di informazioni

Verifichiamo cosa effettivamente andremo a studiare e imparare; individuiamo le materie che potrebbero risultarci problematiche e gli esami fondamentali e confrontiamoli con la nostra preparazione iniziale. Se qualcosa non ci è chiaro possiamo parlarne con studenti che stanno facendo quel corso o fissare dei colloqui con i professori.

Può essere molto utile anche frequentare una lezione universitaria e partecipare alle iniziative organizzate dagli atenei che consentono di entrare in aula, per sperimentare da vicino il nostro futuro.

In ogni caso, l’importante è sempre scegliere qualcosa che ci piaccia, visto che ciò che andremo a studiare influenzerà il nostro futuro. Il rischio infatti, è quello di iscriversi ad una facoltà per la quale non siamo portati e di abbandonarla dopo poco. In questo caso avremo solo sprecato il nostro tempo e i nostri soldi.

Test attitudinali & sbocchi lavorativi

In linea di massima, bene o male ogni persona dovrebbe conoscere quali sono i propri interessi e predisposizioni alla “veneranda” età di 18 anni, comunque per chiarire la situazione in modo più oggettivo esistono anche innumerevoli test attitudinali. Sono dei semplici questionari, quasi sempre gratuiti, che si possono reperire online e che permettono di focalizzare al meglio le proprie attitudini ed inclinazioni.

Infine è bene informarsi sulle possibilità di svolgere degli stage e dei tirocini all’interno delle aziende. Il rapporto aziende-università è un asse portante che dovrebbe essere estremamente valorizzato e potenziato ai fini di favorire l’inserimento dei neolaureati nel mondo del lavoro e allo scopo di mettere al passo dei tempi le società italiane, sempre alle prese con una cronica arretratezza nel campo della informatizzazione, della ricerca e dello sviluppo. Se il corso di laurea che si sta per scegliere si appoggia già al tessuto produttivo del paese, allora il periodo di disoccupazione dopo la laurea dovrebbe essere molto breve.

Insomma, le informazioni necessarie per effettuare una buona scelta del corso di laurea ci sono; l’importante è sfruttarle al meglio e valutare per tempo tutti i pro e i contro.

Rispondi